Debussy e la Suite Bergamasque

Claire de Lune

"Clair de lune" uno dei brani pi famosi ed amati della musica di tutti i tempi, dall'atmosfera rarefatta e suggestiva e che, non a caso, porta il titolo della poesia di Paul Verlaine " Claire de lune" che apre la raccolta intitolata "Ftes galantes".

Il brano fa parte dell'opera "Suite Bergamasque" ed ha origine nel 1890-92 quando Debussy ancora uno sconosciuto costretto a vendere per pochi soldi le sue creazioni agli editori, i quali per non le pubblicano, preferendo aspettare che si faccia un nome per poi guadagnarci di pi.

In questo caso tuttavia, Debussy rimaneggia in seguito la sua composizione giovanile e la fa pubblicare da un altro editore nel 1905, ben 15 anni dopo, quando ormai divenuto un autore affermato.

I tempi della "Suite Bergamasque" ( la Suite una forma musicale antica, molto usata dai clavicembalisti francesi del 1700 come Rameau e Couperin) sono:

- "Prelude"

- "Menuet" e "Passepied" ( antiche danze)

- "Clair de Lune"

La tenera apertura del brano "Claire de Lune" sospesa come a mezz'aria. Dopo il dispiegarsi del canto dagli accordi di sei suoni, una pausa in dimunuendo prepara l'entrata di un nuovo tema, sopra un accompagnamento morbidamente arpeggiato: la sezione centrale che progressivamente si anima fino all'espansione lirica nel registro acuto; quindi, su un lungo pedale armonico, s'intersecano un canto ed un controcanto nel registro medio. Infine, la prima sezione viene ripresa e variata, concludendosi nella coda in dissolvimento.